Informazioni utili

 

 

Stabilirsi a Monaco

Se avete più di sedici anni e desiderate risiedere a Monaco per più di tre mesi all'anno, dovete rivolgervi al Dipartimento di Pubblica Sicurezza, Sezione Residenti. Per farlo, è necessario fornire i seguenti documenti e soddisfare determinate condizioni:

  • Documenti di stato civile (certificato di nascita, certificato di matrimonio, ecc.)
  • Certificato di residenza, a seconda dei casi, in qualità di:
    • proprietario
    • affittuario
    • persona ospitata (a condizione che l'alloggio sia di dimensioni adeguate)
  • Il modulo di domanda debitamente compilato;
  • Garantire risorse finanziarie sufficienti (fornendo le buste paga se siete un dipendente a Monaco, i rendiconti e i bilanci della vostra azienda se siete un direttore d'azienda, una dichiarazione di un parente o di un coniuge, o un certificato della banca monegasca che dimostri che avete almeno 500.000€ in contanti nella loro sede);
  • Dimostrare una buona condotta (fornendo un estratto del casellario giudiziale o equivalente delle autorità del paese o dei paesi in cui avete risieduto negli ultimi 5 anni, prima di arrivare a Monaco).
  • Se siete cittadini dello Spazio economico europeo (compresi i cittadini svizzeri e andorrani) dovrete presentare la vostra carta d'identità o il vostro passaporto in corso di validità prima di intraprendere qualsiasi azione.
Se non siete cittadini di uno dei paesi sopra elencati:
  • Siete residenti in Francia da più di un anno: dovete richiedere un trasferimento di residenza presso l'Ambasciata di Francia a Monaco.
  • In altri casi, dovrete presentare un permesso di soggiorno nel Principato di Monaco, rilasciato dalle autorità francesi. Per farlo, dovrete farne richiesta al Consolato francese più vicino alla vostra ultima residenza legale. Le formalità variano a seconda della nazionalità e del paese di origine.

La nostra agenzia sarà lieta di assistervi in questo processo, con l'aiuto dei nostri partner.

Per qualsiasi richiesta, potete anche contattare il Servizio Assistenza ai Residenti o visitare il sito https://service-public-particuliers.gouv.mc/Nationalite-et-residence/Residence

A seguito della richiesta di una carta di soggiorno:

  • Carte di categoria "temporanea" possono essere rilasciate senza alcuna condizione di anzianità di residenza, quindi a chi risiede per la prima volta. Sono valide per un anno e possono essere rinnovate due volte.
  • Carte di categoria"ordinaria" per persone con 3 anni di residenza. Sono valide per 3 anni, rinnovabile una volta.
  • Carte di categoria "privilegiata" per persone con un totale di 10 anni di residenza e la cui presenza sul territorio monegasco è effettiva. Hanno una validità di per 10 anni, rinnovabile a tempo indeterminato.

Inoltre, la carta di categoria "coniuge monegasco" può essere rilasciata a qualsiasi straniero sposato con un cittadino monegasco e residente nel Principato per almeno 1 anno. È valida per 5 anni.

Il settore immobiliare monegasco è suddiviso in quattro settori accessibili a determinate condizioni:

IL SETTORE LIBERO (O PRIVATO):

Gli appartamenti in questione possono essere affittati liberamente, senza particolari condizioni, a tutta la popolazione, con l'unica riserva delle risorse del richiedente. La durata del contratto di locazione e l'importo del canone di locazione sono fissati contrattualmente, così come tutte le altre clausole.

IL SETTORE REGOLAMENTATO:

Le abitazioni di questo settore sono suddivise in due gruppi e si trovano solo in edifici costruiti o completati prima del 1° settembre 1947. Si noti che il settore regolamentato nel suo complesso è soggetto a un diritto di prelazione statale in caso di vendita.

IL SETTORE PROTETTO:

Questo settore dell'edilizia abitativa è disciplinato dalle Leggi n. 1.235 del 28/12/2000 e 1.291 del 21/12/2004 relative alle condizioni di affitto di alcuni locali ad uso abitativo costruiti o completati prima del 1° settembre 1947.

Le loro condizioni di affitto devono essere approvate dalla Direction de l'Habitat.

Gli affitti sono, in generale, molto più accessibili per gli inquilini rispetto a quelli del settore libero perché sono definiti dallo Stato.

Inoltre, il contratto di locazione offre una migliore protezione all'inquilino, soprattutto perché è sottoscritto per un periodo di 6 anni. Può essere disdetto dal locatario durante la locazione o alla sua scadenza, con un preavviso di tre mesi, o dal proprietario con un preavviso di sei mesi se intende esercitare il diritto di riappropriazione alle condizioni previste dalla legge.

Questi immobili possono essere affittati solo a persone registrate come persone protette, suddivise nelle seguenti categorie e nell'ordine di priorità indicato:

  1. persone di nazionalità monegasca;
  2. le persone nate da un autore monegasco; i coniugi, le vedove o i vedovi di origine monegasca; le persone divorziate da monegaschi, i padri o le madri di figli nati da questa unione;
  3. le persone nate a Monaco, che vi risiedono dalla nascita, a condizione che uno dei loro genitori risieda a Monaco anche al momento della nascita; le persone che, pur soddisfacendo le altre condizioni di cui al presente paragrafo, sono nate al di fuori del Principato in seguito a un evento fortuito o per motivi medici o di forza maggiore, possono essere esentate dalla condizione di nascita a Monaco;
  4. persone che risiedono a Monaco da almeno 40 anni senza interruzione.

IL SETTORE LIBERALIZZATO:

Questo settore dell'edilizia abitativa è disciplinato dalla legge 887 del 25/06/1970.

Gli appartamenti in questo settore sono destinati ad essere affittati a persone che risiedono a Monaco da almeno cinque anni e ci lavorano da più di sei mesi, o a persone che lavorano a Monaco da almeno cinque anni (nonché a persone registrate come persone protette).

Il locatore è tenuto a concedere al locatario un contratto di locazione di sei anni, con scadenza annuale a discrezione del locatario; nel contratto di locazione può essere inserita una clausola di indicizzazione del canone di locazione.

Le condizioni di affitto devono essere approvate anche dalla Direction de l’Habitat, ma il locatore è libero di stabilire l'importo dell'affitto.

IL SETTORE DEMANIALE:

Si tratta di unità abitative sociali di proprietà dello Stato monegasco.

Questi appartamenti sono assegnati esclusivamente a persone di nazionalità monegasca, le assegnazioni vengono effettuate secondo un ordine di priorità risultante da un accumulo di punti ottenuto applicando diversi criteri oggettivi definiti dall'Ordine Ministeriale.

PARCO IMMOBILIARE DEL FONDO AUTONOMO DELLE PENSIONI:

Il Fondo autonomo delle pensioni ha anche un parco immobiliare nel Principato accessibile ai dipendenti pubblici monegaschi attivi.

Le autorità monegasche hanno messo in atto un intero meccanismo amministrativo, fiscale e legale per attrarre nuove imprese dinamiche e per promuovere il settore delle attività finanziarie (family office, Risparmio gestito, ecc.), dei beni di lusso, delle nuove tecnologie e di tutto ciò che riguarda lo sviluppo eco-responsabile.

1) Prima di iniziare:

Le principali forme giuridiche a Monaco sono le seguenti (alcune delle quali possono essere imposte dalla normativa vigente):

  • la S.N.C, società in nome colletivo
  • la S.C.S, società in accomandita semplice
  • la S.A.R.L, società a responsabilità limitata
  • la S.A.M, società anonima monegasca

E' anche possibile svolgere un'attività personale o commerciale istituendo un ufficio amministrativo o un'agenzia.

Inoltre, alcune attività sono regolamentate e:

  • la legge o il regolamento determina le condizioni di accesso richieste al gestore (diplomi, esperienza professionale, condizioni finanziarie, ...) o le condizioni richieste per l'istituto (autorizzazione). È il caso, ad esempio, delle attività assicurative, della contabilità, delle attività legali e finanziarie, delle attività immobiliari, dei servizi sanitari, dei settori alimentare e cosmetico, ecc;
  • la legge o il regolamento determina le condizioni di esercizio o di funzionamento. Ad esempio, un antiquario è tenuto a stabilire e tenere un registro dell'identità e dell'indirizzo dei venditori e della qualità e del prezzo degli oggetti.

Infine, alcune attività non sono regolamentate ma sono soggette ad autorizzazione.

Per maggiori informazioni:
https://service-public-entreprises.gouv.mc/Creation-d-activite/Activites-reglementees/Generalites/Liste-des-activites-reglementees-et-ou-soumises-a-autorisation

Per discutere il vostro progetto, ottenere consigli e contatti utili, vi suggeriamo di contattare il Monaco Welcome & Business Office, che fornisce ai visitatori gli strumenti, i contatti chiave e le informazioni di cui hanno bisogno. Inoltre, li mette in contatto con i principali enti pubblici e privati della zona, il che faciliterà il loro insediamento.
https://service-public-entreprises.gouv.mc/Reseaux-et-publications/Reseaux-professionnels/Administration/Welcome-Office

2) Per iniziare, occorre richiedere una licenza di esercizio

Nel Principato, la creazione e l'esercizio di qualsiasi attività professionale in modo indipendente è soggetta alla previa autorizzazione del Governo del Principato stesso.

L'autorizzazione è rilasciata sulla base di criteri di onorabilità, qualifica o esperienza professionale e dell'effettiva esistenza di una stabile organizzazione nel Principato che sia operativa e adeguata all'attività prevista. In particolare, determina le attività che possono essere svolte, i locali in cui si svolgeranno e, se del caso, le condizioni di esercizio.

La Direzione dell'Espansione Economica mette a disposizione dei professionisti e degli imprenditori uno sportello per le formalità da espletare dopo il rilascio della licenza (ritiro della licenza, deposito presso il Registro, pubblicazione sul Journal de Monaco, pagamento delle tasse, iscrizione al Registro del Commercio e dell'Industria).

I dettagli dei passi da seguire per la costituzione di una società a Monaco sono disponibili sul sito web del Governo: https://service-public-entreprises.gouv.mc/Parcours-guides/Creer-une-entreprise

3) Quindi dichiarare il domicilio della società (sede legale) e giustificare l'uso dei locali, che possono essere ubicati in:

  1. Locali demaniali (appartenenti allo Stato) a condizione che la società sia a maggioranza di una persona di nazionalità monegasca.
  2. Locali privati:
    1. A casa del gestore, alle seguenti condizioni:
      • nessuna disposizione legislativa, regolamentare o contrattuale lo vieta;
      • l'attività commerciale non richiede la ricezione di clienti, né il deposito o l'esposizione di merci;
      • non vengono assunti dipendenti.
      Per le attività commerciali svolte nell'ambito di SNC, SCS o SARL, lla sede sociale può essere stabilita presso il domicilio del gestore, alle condizioni di cui sopra, unicamente nel momento in cui inizia l'attività e per un periodo di tempo limitato: un anno, rinnovabile una volta. Il gestore deve essere titolare di un contratto di locazione residenziale ad uso misto (casa e ufficio).
    2. Negli uffici amministrativi incaricati di svolgere lavori intellettuali e servizi amministrativi ad essi correlati se si assume personale e/o si ricevono clienti. L'attività non deve essere di natura commerciale, industriale o artigianale e nessuna merce può essere consegnata o immagazzinata. In caso di affitto, la durata può essere da 1 a 5 anni al massimo a seconda che il contratto sia o meno soggetto alla legge 1.433 del 058/11/2016.

      Deve essere rispettata un'area di lavoro minima per dipendente e, a seconda del tipo di forma giuridica e del tipo di contratto di lavoro, lo standard è di 9m2 per 1 dipendente, 12m2 per 2 dipendenti, 21m2 per 3 dipendenti, 32m2 per 4 dipendenti. Le S.A.M. sono tenute a rispettare una superficie totale di almeno 25m2 se non vi sono dipendenti e a stipulare un contratto di locazione esclusivamente per uffici.

      I locali adibiti a uffici sono ispezionati dalla Commissione Tecnica per la Salute e la Sicurezza e la Protezione dell'Ambiente per garantire che siano conformi alle norme legali e regolamentari in vigore in materia di salute, sicurezza e protezione dell'ambiente.

      Inoltre, per una domiciliazione in locali privati, l'autorizzazione all'esercizio di un'attività professionale in un appartamento deve essere subordinata alla preventiva autorizzazione del sindacato della comproprietà secondo le specifiche dell'edificio, successivamente a quella del proprietario (se siete inquilini).

    3. Nei circoli commerciali, in uffici condivisi o chiusi, a determinate condizioni, a seconda anche delle esigenze dell'azienda; vengono proposte diverse formule a seconda della forma giuridica e della natura dell'attività in particolare. La nostra agenzia lavora in stretta collaborazione con diversi enti e sarà lieta di aiutarvi.
  3. locali commerciali (spesso al piano terra) o industriali se l'attività è commerciale, industriale o artigianale. Essi sono ispezionati dalla Commissione Tecnica di igiene e sicurezza e di protezione dell'ambiente (Commissione tecnica per la salute, la sicurezza e la protezione dell'ambiente), che ne verifica la conformità alle norme legali e normative vigenti in materia di salute, sicurezza e protezione dell'ambiente.

    Possono presentarsi diverse possibilità: acquisizione o affitto dei locali. In caso di affitto, ci sono differenti opzioni:

    • • Insieme agli immobili commerciali, il contratto di locazione sarà soggetto alla Legge n. 490 del 24/11/1948, modificata ed integrata dalla Legge 1.287 del 24/11/1948, relativa alle locazioni ad uso commerciale industriale o artigianale, concluse per un periodo di 3,6,9 anni. Sarà certamente richiesto un deposito di denaro prima di entrare nei locali, a meno che ciò non avvenga a seguito di un'acquisizione del diritto di locazione o dell'attività.
    • Senza la proprietà commerciale:
      • con un contratto di locazione precario per un periodo massimo di 35 mesi con l'obbligo per il locatario di lasciare l'immobile alla fine di questo periodo perché dopo questo periodo, l'immobile commerciale dovrebbe essere acquistato.
      • in franchising: il contratto, a tempo determinato, è disciplinato dalla legge n.546 del 26/06/1951 e viene stipulato con il gestore del fondo previa autorizzazione del proprietario del locale commerciale.

Per maggiori informazioni:
https://service-public-entreprises.gouv.mc/Creation-d-activite/Domiciliation

4) Una volta ottenuta l'autorizzazione o ricevuta la dichiarazione monegasca, si devono poi espletare le formalità di registrazione, le cui fasi principali sono le seguenti:

  1. Svolgere le formalità pubblicitarie e registrare l'azienda nel Registro del Commercio e dell'Industria.
  2. Richiedere l'assegnazione di un numero di identificazione statistico all'Istituto Monegasco di Statistica e Studi Economici (IMSEE).
  3. Dichiarare l'esistenza della società o dell'impresa alla Direzione Servizi Fiscali
  4. Aderire agli enti sociali:
    • Fondo di assicurazione per malattia, infortuni e maternità per lavoratori autonomi (CAMTI)
    • Fondo autonomo pensionistico) per lavoratori autonomi (CARTI)
    • Costituire un fascicolo del datore di lavoro presso il Servizio per l'impiego

 

Sistema fiscale

Il Governo del Principato ha lanciato un approccio globale per facilitare, su tutti i fronti, lo sviluppo delle imprese monegasche nel rispetto delle regole di etica, trasparenza ed efficienza.

Una delle caratteristiche del Principato risiede nel fatto che il sistema fiscale per le persone fisiche è "morbido".

Insieme all'IVA, l'imposta sul reddito (I.S.B.) e l'imposta sul trasferimento di proprietà costituiscono la base del sistema fiscale monegasco.

Attraverso la modernizzazione del corpo giuridico e la stabilità di un quadro di incentivi fiscali, il Governo del Principato si impegna a favorire la creazione e lo sviluppo delle imprese a Monaco.

Nel Principato non esistono imposte sul reddito, sul patrimonio, sulla proprietà o sull'abitazione.

I monegaschi e i residenti a Monaco, ad eccezione dei cittadini francesi disciplinati dalla Convenzione bilaterale franco-monegasca del 1963, non sono soggetti all'imposta sul reddito nel Principato.

Tuttavia, l'assenza dell'imposta sul reddito delle persone fisiche riguarda solo le attività o le persone effettivamente e realmente residenti sul territorio del Principato. Questo stato di cose non pregiudica quindi le norme stabilite da altri Stati.

L'imposta di successione o di donazione si applica ai beni situati sul territorio del Principato o che vi hanno la loro sede, qualunque sia il domicilio, la residenza o la nazionalità del defunto o del donatore (fatte salve le disposizioni della Convenzione franco-monegasca del 1° aprile 1950). Il livello di tassazione dipende dal grado di parentela tra il defunto e l'erede:

  • per discendenza diretta genitore-figlio o coniuge: 0%
  • tra fratelli e sorelle: 8%
  • tra zii, zie, nipoti: 10%
  • tra collaterali diversi da fratelli, sorelle, zii, zie, nipoti: 13%
  • tra non parenti: 16%

L'unica imposta diretta riscossa nel Principato è l'imposta sul reddito delle attività industriali e commerciali.

L’Imposta sul Reddito (I.S.B.) si applica alle società che esercitano un'attività industriale o commerciale e che realizzano più del 25% del loro fatturato al di fuori di Monaco, qualunque sia la loro forma giuridica. È la natura dell'attività e la localizzazione delle operazioni che determinano questa obbligazione.

Il reddito imponibile è stabilito dopo aver dedotto tutte le spese, in particolare la remunerazione del gestore, degli amministratori o dei dirigenti che svolgono un'attività effettiva all'interno della società. L'aliquota fiscale è del 33,33%, fermo restando che le plusvalenze derivanti dalla vendita di immobilizzazioni nel corso dell'attività possono, con alcune riserve, beneficiare di un'esenzione in caso di reimpiego. D'altra parte, questo tasso dovrebbe gradualmente diminuire a partire dal 2019, per rappresentare solo il 25% nel 2022.

Le imprese costituite nel Principato, che rientrano nel campo di applicazione dell'imposta sul reddito e che sviluppano un'attività realmente nuova, sono esenti da tale imposta per i primi due anni e beneficiano di un regime preferenziale per i tre anni successivi.

Inoltre, è opportuno sottolineare che gli uffici amministrativi sono soggetti all'imposta sul reddito imponibile e, in linea di massima, sono tassati ad un'aliquota ridotta su base forfettaria corrispondente al capitale di personale necessario al loro funzionamento.

L'imposta sul valore aggiunto (IVA) è riscossa sulla stessa base e con le stesse aliquote vigenti in Francia; il regime IVA intracomunitaria è applicabile dal 1° gennaio 1993.

I territori francesi e monegaschi, comprese le loro acque territoriali, formano un'unione doganale organizzata dalla Convenzione doganale del 18 maggio 1963, per cui il codice doganale francese è applicabile nel Principato di Monaco. A causa della sua unione doganale con la Francia, e per garantire la rigorosa applicazione di questo accordo bilaterale, il Principato è incorporato nel territorio doganale europeo (pur rimanendo un paese terzo rispetto all'Unione europea). L'accesso di beni e servizi al mercato unico europeo da Monaco è quindi garantito.

Come già detto, non vi è alcuna tassazione sulla plusvalenza immobiliare, nessuna imposta sugli immobili e nessuna tassa sull'abitazione.

D'altro canto, sono previste tasse di registrazione (escluse le spese notarili) da pagare, proporzionali o fisse. La tariffa fissa è generalmente di 10 €. Le tariffe più comunemente utilizzate nel settore immobiliare sono:

  • Le imposte di locazione dell'1%, prelevate sul canone annuo più gli oneri
  • L'imposta del 3% applicabile agli atti che comportano obblighi ipotecari a favore dei grandi proprietari di immobili.
  • L'imposta del 4,5% sulle vendite di immobili
  • L'imposta del 7,5% sui trasferimenti di proprietà a titolo oneroso del patrimonio aziendale o dei clienti
  • L'imposta del 7,5% sulle vendite di immobili quando sono effettuate nei confronti di persone che non soddisfano i criteri di trasparenza previsti dalla legge.
  • L'imposta di trascrizione dell'1% sui trasferimenti di proprietà
  • La commissione di iscrizione al registro delle ipoteche dello 0,65%.

In alcune situazioni può anche essere prevista un'aliquota IVA del 20%. Specialmente in questi casi:

  • L'IVA è automaticamente applicabile alle vendite di terreni edificabili e immobili entro cinque anni dal loro completamento da parte di soggetti passivi che agiscono in quanto tali. L'imposta è a carico del venditore.
  • La vendita di terreni edificabili
  • Vendite di edifici completati più di cinque anni fa in caso di utilizzo dell'opzione per la tassazione.